Londra itinerari: da Camden a Marylebone passando per Primrose Hill e Regent’s Park

Prima tappa Camden Town

Questo che ho provato l’altro giorno, da Camden Town a Marylebone è un altro itinerario da fare a piedi a Londra davvero piacevole, specialmente in una giornata estiva o primaverile.

Sono partita da Camden Town, dove non riesco mai a passare senza fermarmi un attimo a guardare i famosi mercatini.

Non è tanto per comprare, quanto piuttosto per l’atmosfera, vera e propria stratificazione di epoche e tendenze.

A me piacciono le magliette dei gruppi rock anni ottanta, la street art, il banco con una delle spremute di arance più buone della città e le barche attraccate al Camden lock che partono per risalire il canale, tutto mischiato insieme.

Ho percorso Camden High Street in direzione Chalk Farm e sono salita fino a Primrose Hill, il romantico quartiere amato e popolato da vip e celebrities, che si trova a pochi passi dall’allegra confusione di Camden Town.

Verso Primrose Hill

E’ davvero suggestivo passare in poco più di dieci minuti dall’atmosfera energetica e multietnica di Camden a quella romantica e un pò aristocratica di Primrose Hill.

Ma tutto ciò rispecchia perfettamente la versatilità di Londra.

A Primrose Hill ho percorso la High Street in direzione del parco, con i negozi dall’aria shabby chic e i bistrot con i tavolini all’aperto.

Se volete fotografare le casette color pastello fate una piccola deviazione sulla sinistra, in direzione Chalcot Square.

Una volta raggiunto il parco, lo scenario cambia nuovamente e vi sembrerà di essere nel countryside, per via di tutto quel verde a perdita d’occhio.

Attraversate longitudinalmente Primrose Hill Park e tuffatevi nel Regent’s Park, uno dei parchi più conosciuti e rinomati della città.

Regent’s Park

Regent’s Park è famoso sicuramente per lo zoo che si trova al suo interno, ma è anche uno dei posti più gettonati per i picnic di primavera.

E’ grande, con prati immensi, è il posto ideale per sdraiarsi sull’erba e lasciarsi trasportare dal contatto con la natura.

E’ il posto perfetto per fermarsi un attimo a leggere un libro o a pensare, o semplicemente ad ascoltare i rumori della città che si allontanano.

Ho attraversato il parco verso The Inner Circle, la parte circolare dove si trova il Queen Mary’s Gardens, uno dei giardini di rose più spettacolare che si possa immaginare.

Nel giardino troverete rose a partita d’occhio, di tutti i tipi e colori.

Ma la cosa che mi ha colpito di più in assoluto è stato il profumo che promana da quelle aiuole meravigliose.

Da una parte e dall’altra si aprono scorci che sembrano appena usciti da un quadro di Turner.

Ed è davvero bello vedere quanta gente si trova all’interno del parco.

I parchi di Londra sono vivi, pieni di attività, di iniziative, di energia, di persone che hanno nel parco il loro angolo preferito.

Sono pieni di panchine dedicate, di tesori nascosti, di scorci romantici.

Ogni parco ha il suo carattere, e nessuno può essere confuso con un altro.

Infine Marylebone

Sono uscita dalla parte opposta, verso il quartiere di Marylebone, un’altra delle mie zone preferite della città.

E’ il quartiere di Baker Street e della casa Museo di Sherlock Holmes, che si trova al no 239, accanto al famoso no 221B, di Baker Street, e che riconoscerete a prima vista se, come me, siete fan della serie di Netflix Sherlock.

E’ anche il quartiere di Madame Tusseaud, il museo delle cere, che ha sempre una lungo fila per entrare.

Ma a me piace soprattutto per la sua High Street, dove si trovano deliziosi pub che si popolano dopo l’orario d’ufficio e negozi che potremmo chiamare “Botteghe Storiche” di Londra.

A Marylebone si trova The Wallace Collection, meraviglioso Museo pieno di tesori e mostre interessanti (al momento ospita la Mostra di Manolo Blanhik “An Enquiring Mind”).

L’entrata è gratuita, come in quasi tutti i Musei della città, e nel cortile interno si trova anche una dedizione Cafeteria, perfetta per una sosta dopo avere visitato il museo.

Se si è fatto tardi, potete fermarvi a Marylebone per cena.

Il quartiere è pieno di pub e ristoranti rinomati.

Provate Le Relais de Venis, con l’entrecote simile a quella del Caffè de Paris di Ginevra.

Vi è piaciuto questo itinerario a piedi che ho descritto qui?

Se volete scoprire un altro bellissimo itinerario da fare a piedi a Londra, da Angel a Camden, lungo il Regent’s Canal, potete leggere questo post, cliccando qui

Ancora nessun commento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *